[TITLE]
[ARTIST]
[EXT. CUR.]

11.04.22
/01.12.22

It's 25 o'clock ⟵
 EN 

I am blind and I know nothing, but I see

there are more ways to go; and everything

is an infinity of things. You, you are music,

rivers, firmaments, palaces, and angels,

O endless rose, intimate, without limit,

which the Lord will finally show to my dead eyes

The Unending Rose, Jorge Luis Borges

You get up, every morning, around 7 a.m. later or earlier. You leave home, get on the transport,enter the office or school, work, laugh with your colleagues, have a lunch break, finish your day, go home, relax, and go to sleep before midnight or after. A day is 24 hours and we celebrate a new year after 365 days. Time is a tool invented by humankind to ensure the functioning of daily human activities, by measuring the aspects of social life. The notion of time is inevitably attached to a location, that can be both: definite and indefinite. Time becomes a theater where entities and individuals flow constantly. Is there a 'time' outside time that silences the clock? The exhibition sets up a clock, with the title It is now 25 o'clock, which tends to reveal a suspended temporality. Let us imagine that the inhabitants pass a thousand times in front of the palace which is a heritage that is part of the banality of modern life. At a certain moment, a Heterotopic Landscape animated through the chapel window will catch their attention. The 3D video, created by Alya Ben Amor takes the gazers out of their regular daily routine to another emerging space. As the modern ghosts wandering through this ancient city, they find themselves in the presence of Wenqian Gao's pixelated moon, where time appears to linger between the virtual and the real. In Chenye Li's work, the perception of time is similar to a silkworm weaving its cocoon: another space-time in which all the creatures can take part. Here, the clock strikes, and the transience and the eternity, like Jorge Luis Borges’s poem, intermingle and a request of the relationship between human existence and time always arises.

The screening will be divided into two chapters, days and nights, according to the times of sunrise and sunset.

Days, from 7.30AM to 9PM: Heterotopia, Meta-Morphoses, Silkworm god;

Nights, from 9PM - 7:29AM: Eclipse, Terminal of war, Silkworm god.

 IT 

Sono cieco e ignorante, ma intuisco

che sono molte le strade. Ogni cosa

è infinità di cose. Sei musica,

firmamenti, palazzi, fiumi, angeli,

rosa profonda, illimitata, intima,

che Dio indicherà ai miei occhi morti.

La rosa profonda, Jorge Luis Borges

Ti alzi ogni mattina, più o meno, verso le 7:00. Esci di casa, sali sul mezzo di trasporto, entri in ufficio o a scuola, lavori, ridi con i tuoi colleghi, fai una pausa pranzo, finisci la giornata, torni a casa, ti rilassi e vai a dormire prima di mezzanotte o dopo. Un giorno è di 24 ore e festeggiamo un nuovo anno dopo 365 giorni. Il tempo è uno strumento inventato dall’uomo per garantire il funzionamento delle attività umane quotidiane, misurando gli aspetti della vita sociale. La nozione di tempo è inevitabilmente legata a un luogo, che può essere sia definito che indefinito. Il tempo diventa un teatro in cui le entità e gli individui scorrono costantemente. C’è un ‘tempo’ fuori dal tempo che mette a tacere l’orologio? La mostra allestisce un orologio dal titolo It is now 25 o’clock, che tende a rivelare una temporalità sospesa. Immaginiamo che gli abitanti passino mille volte davanti a un palazzo storico, patrimonio e parte della banalità della vita moderna. A un certo momento, un paesaggio eterotopico animato attraverso la finestra della cappella catturerà la loro attenzione. Il video 3D, creato da Alya Ben Amor, porta gli spettatori fuori dalla loro normale routine quotidiana in un altro spazio emergente. Mentre i fantasmi moderni vagano per questa antica città, si trovano alla presenza della luna pixelata di Wenqian Gao, dove il tempo sembra indugiare tra il virtuale e il reale. Nell’opera di Chenye Li, la percezione del tempo è simile a quella di un baco da seta che tesse il suo bozzolo: un altro spazio-tempo in cui tutte le creature possono prendere parte. Qui l’orologio suona e la caducità e l’eternità, come la poesia di Jorge Luis Borges, si mescolano e cresce la necessità di una relazione tra esistenza umana e il tempo.

La proiezione sarà suddivisa in due capitoli, giorno e notte, a seconda degli orari dell’alba e del tramonto.

Giorni, dalle 7:30 alle 21:00: Heterotopia, Meta-Morphoses, Silkworm god;

Notti, dalle 21:00 alle 7:29: Eclipse, Terminal of war, Silkworm god.

Alya Ben Amor

Artist's website ⟵

 EN 

Alya Ben Amor, Heterotopia, 2019 + Meta-Morphoses, 2022
2’15’’ + 37’’


Heterotopia is a fiction that consists in inventing a virtual setting from a real one. The video is at the same time the digital tool as well as the reflection on how sensitive transformation during the process of inventing the image. The fragment as a basic totality and a redefinition of the frame serve to renew the practices of the landscape and to represent it in another configuration.

Meta-Morphoses is a video made for the raw materials exhibition which took place at the historical site of the Medina (old town) of Sousse know as the Ribat in january 2022. While watching the animation, we observe a sort of bubble from which evolve thousands of little bubbles in a full effervescency synchronized with the real sound of Jupiter (planet). The bubbles' texture is a real photography of the Ribat wall. The boiling bubbles reflect living cells constantly changing inside living bodies. The life stone cells of the fortress which were built in the eighth century has witnessed several events throughout the history.

Alya Ben Amor is a Tunisian visual artist and curator currently residing in Paris. Specialized in media arts and holder of a bachelor's degree in media arts in 2016 and a master's degree in visual arts in 2018 from the Higher Institute of Fine Arts in Sousse, she is currently doing a master's degree in the ecology of arts and media at the University of Paris VIII. Her work is focused on environmental ecology and experiments with human relationships with nature and the environment through the digital medium. Her mediums vary between video installations, performances, and photographs, but she especially privileges video dispositifs.

 IT 

Alya Ben Amor, Heterotopia, 2019 + Meta-Morphoses, 2022
2’15’’ + 37’’


Heterotopia è una finzione che consiste nell’inventare un ambiente virtuale da uno reale. Il video è, nel medesimo tempo, strumento digitale nonché riflessione su quanto sia sensibile la trasformazione durante il processo di invenzione dell’immagine. Il frammento come totalità essenziale e una ridefinizione della cornice servono a rinnovare le pratiche del paesaggio e a rappresentarlo in un’altra configurazione.

Meta-Morphoses è un video realizzato per la mostra di materie prime che ha avuto luogo nel sito storico della Medina (città vecchia) di Sousse, conosciuta come Ribat, nel gennaio 2022. Guardando l’animazione, osserviamo una sorta di bolla da cui evolvono migliaia di bollicine in una piena effervescenza sincronizzata con il suono reale del pianeta Giove. La texture delle bolle è una fotografia del muro di Ribat. Le bolle bollenti riflettono le cellule viventi che cambiano costantemente all’interno dei corpi viventi. Le celle in pietra della vita della fortezza che furono costruite nell’VIII secolo sono state testimoni di diversi eventi nel corso della storia.

Alya Ben Amor è un artista visiva e curatrice tunisina attualmente residente a Parigi. Specializzata e laureata in media arts nel 2016 è titolare di un master in arti visive ottenuto nel 2018 presso l’Istituto superiore di belle arti di Sousse. Sta attualmente frequentando un master in ecologia delle arti e dei media presso l’Università di Parigi VIII. Il suo lavoro è incentrato sull’ecologia ambientale e sperimenta le relazioni umane con la natura e l’ambiente attraverso il mezzo digitale. I suoi mezzi variano tra installazioni video, performance e fotografie, ma privilegia in particolare i dispositivi video.

Wenqian Gao

Artist's website ⟵

 EN 

Wenqian Gao, Eclipse, 2019 + Terminal of war, 2018
2’38’’ + 2’35’’


(Eclipse) In ancient times, the phenomenon of the eclipse was often considered as a spiritual message. Inspired by this custom of admiring the moon, Wenqian Gao creates an algorithmic eclipse. The artist seeks, through this pixel eclipse of a virtual world, to show us the anxieties and mysteries of the digital era where human being tries to simulate the world with the help of computers.

(Terminal of war) The first video game was invented during the Cold War for the use of calculating the trajectory of the missile. Gaming is still associated with battlefield simulation. For instance, the US army developed the first 3D games for military training, and the cruel images of war were used as material for some war games. Wenqian Gao converted the 2017 Syrian War described in Wikipedia into the game syntax, using the game's terminal backend console to output all the war information on the screen according to the timeline, just like in the historical war simulation game, thus, enhancing the reality effects. In the world we live in, the time spent in war can be measured in months or years, whilst, in the video game, the same event lasts only for a few minutes.

Wenqian Gao is a Chinese artist who currently lives and works in Beijing, China. He graduated from the Chinese Academy of Arts in 2013, and from the Ecole des Beaux-Arts (Paris) in 2019. He is committed to exploring the boundary between humans and technology and investigating the connection between different media. His works often interrogate time as an entry point and, through various means, he produces images that border on the real and the virtual. Also often introducing the concept of "ensoulment" into the art of animation, his work explores the contradiction and connection between the machine and the human. He is mainly engaged in the creation of digital videos, experimental animations, and interactive installations. He likes to find the bridge between old and new media using the method of technological archaeology. His works have been exhibited in art and film festivals around the world, including the China Independent Film Festival, Berlin International Short Film Festival, Emerging Artist of the Year, Art11 New Art Creation Award, and Jury Special Recommendation Award.

 IT 

Wenqian Gao, Eclipse, 2019 + Terminal of war, 2018
2’38’’ + 2’35’’


(Eclipse) Nei tempi antichi, il fenomeno dell’eclissi era spesso considerato un messaggio spirituale. Ispirato da questa usanza di ammirare la luna, Wenqian Gao crea un’eclissi algoritmica. L’artista cerca, attraverso questa eclissi di pixel di un mondo virtuale, di mostrarci le ansie e i misteri dell’era digitale in cui l’essere umano cerca di simulare il mondo con l’aiuto dei computer.

(Terminal of war) Il primo videogioco è stato inventato durante la Guerra Fredda per l’uso del calcolo della traiettoria del missile. Il gioco è ancora associato alla simulazione del campo di battaglia. Ad esempio, l’esercito degli Stati Uniti ha sviluppato i primi giochi 3D per l’addestramento militare e le crudeli immagini della guerra sono state utilizzate come materiale per alcuni giochi di guerra. Wenqian Gao ha convertito la guerra siriana del 2017 descritta in Wikipedia nella sintassi del gioco, utilizzando la console di backend del terminale del gioco per visualizzare tutte le informazioni sulla guerra sullo schermo in base alla sequenza temporale, proprio come nel gioco di simulazione di guerra storica, migliorando così la realtà effetti. Nel mondo in cui viviamo, il tempo trascorso in guerra si misura in mesi o anni, mentre nel videogioco lo stesso evento dura solo pochi minuti.

Wenqian Gao è un artista cinese che attualmente vive e lavora a Pechino, in Cina. Si è laureato alla Chinese Academy of Arts nel 2013 e all’Ecole des Beaux-Arts (Parigi) nel 2019. Si impegna a esplorare il confine tra umani e tecnologia e a indagare la connessione tra i diversi media. Le sue opere interrogano spesso il tempo come punto di ingresso e, attraverso vari mezzi, produce immagini che rasentano il reale e il virtuale. Inoltre, introducendo spesso il concetto di “anima” nell’arte dell’animazione, il suo lavoro esplora la contraddizione e la connessione tra la macchina e l’umano. Si occupa principalmente della realizzazione di video digitali, animazioni sperimentali e installazioni interattive. Gli piace trovare il ponte tra vecchi e nuovi media usando il metodo dell’archeologia tecnologica. Le sue opere sono state esposte in festival d’arte e cinematografici in tutto il mondo, tra cui China Independent Film Festival, Berlin International Short Film Festival, Emerging Artist of the Year, Art11 New Art Creation Award e Jury Special Recommendation Award.

Chenye Li

Artist's website ⟵

 EN 

Chenye Li, Silkworm God, 2022
2’18’’

Mixing memories of her hometown, Inner Mongolia, and a feminist perspective on the complexity of the father-daughter relationship, Chenye Li imagined a mythical fiction through the medium of video. In this video, time weaves the silk and wraps the girl's horse, the world becomes a cocoon. In the context of a certain civilization, it is women who are in charge of spinning at home. Thus, together with marriage, the silkworm represents a discourse of female consciousness. As written by the artist: "The earth is the horse, and the plants are the horse. The surrounding area of this house has been demolished, but this house insists on staying. This house is a horse. I'm swaying around, spinning around, I'm a girl. I sometimes want nothing, I am the spit-out silk. I have been ruthless, I am a father. I've been a horse's wife, and I'm an alternative. I am that horse and I will love it and hate it. I drew this story, and from this moment, I am nothing. I slipped through the gap in time, without me, without me." Audio made by LRRBPM.

Chenye Li is a Chinese artist who currently lives and works in Chengdu and Shanghai, China. She works with different media, such as sketch, photography, video, and performance, and her practices are rooted in an ecological and mythological reflection. She is often inspired by used objects, even wastes,with which she creates a heterotopic universe. Her works are often exhibited in public areas, such as "Love Market"; "Existence is not decoration" or in alternative spaces.

 IT 

Chenye Li, Silkworm God, 2022
2’18’’

Mescolando i ricordi della sua città natale, la Mongolia Interna, e una prospettiva femminista sulla complessità del rapporto padre-figlia, Chenye Li ha immaginato una finzione mitica attraverso il video. In questo video il tempo intreccia la seta e avvolge il cavallo della ragazza: il mondo diventa un bozzolo. Nel contesto di una certa civiltà, sono le donne che si occupano della filatura in casa. Così, insieme al matrimonio, il baco da seta rappresenta un discorso della coscienza femminile. Come scrive l’artista: “La terra è il cavallo e le piante sono il cavallo. L’area circostante di questa casa è stata demolita, ma questa casa insiste per restare. Questa casa è un cavallo. Sto ondeggiando, girando, sono una ragazza. A volte non voglio niente, sono la seta sputata. Sono stato spietato, sono un padre. Sono stata la moglie di un cavallo e sono un’alternativa. Io sono quel cavallo e lo amerò e lo odierò. Ho disegnato questa storia e da questo momento non sono più niente. Sono scivolata attraverso il divario nel tempo, senza di me, senza di me.” Audio realizzato da LRRBPM.

Chenye Li è un artista cinese che attualmente vive e lavora a Chengdu e Shanghai, in Cina. Lavora con diversi media, come disegni, fotografia, video e performance, e le sue pratiche sono radicate in una riflessione ecologica e mitologica. Si ispira spesso a oggetti usati, anche rifiuti, con i quali crea un universo eterotopico. I suoi lavori sono spesso esposti in spazi pubblici, come “Love Market”; “Existence is not decoration” o in spazi indipendenti.

Yijun Chen

Curator's website ⟵

 EN 

Yijun Chen, born in 1997, is a curator who lives and works in Paris. After professional experiences and studies revolving around literature and exhibitions, she developed a curatorial approach experimenting with the interdisciplinary and polyphonic dialogue between writing and visual art.

 IT 

Yijun Chen, classe 1997, è una curatrice che vive e lavora a Parigi. Dopo esperienze professionali e studi incentrati sulla letteratura e le mostre, sviluppa un approccio curatoriale sperimentando il dialogo interdisciplinare e polifonico tra scrittura e arte visiva.